Navigazione principale

© 2016 - 2019 - all rights reserved info@enricamannari.com
Privacy policy

born in MaMaStudiOs

14 marzo 2016

Nicola Carmignani: una vita tra barba, pizza, caffè e social network

#combogram n3

nicolacarmignani_enricamannari

Arriva puntuale come un orologio svizzero il terzo appuntamento di #combogram: la rubrica dedicata agli instagramers del mio cuore. Questa volta ho invitato a raccontarsi su questi schermi di stelle e magia la superstar barbuta di Instagram: Nicola Carmignani, il “social coso” più famoso della rete e grande consumatore di caffè e mangiatore di pizza. 

Ho conosciuto Nicola qualche anno fa all’Internet Festival di Pisa, ma l’occasione in cui ho davvero avuto modo di avere a che fare con la meravigliosa persona che nasconde dietro alla folta barba è stato il viaggio da Catania a Milano che ci siamo fatti lo scorso Agosto in Ape Calessino con The Gira, il road trip più bello della mia vita. Poi c’è stata la parentesi di Pitti 2016, dove ci siamo divertiti a bere succhi di frutta e analcolici a tutti i party a cui siamo andati, essendo entrambi dei bevitori decisamente scarsi, per non dire astemi. Dopo queste due esperinze di vita condivisa non ho avuto più dubbi: dovevo assolutamente inserirlo nella mia rubrica tutta instagram e disegnini. E infatti eccolo qui,

1- Ciao Nicola, hai un amuleto reale o ideale che ti accompagna nella tua vita?

Onestamente no, non ne ho mai avuti. E dopo aver letto l’intervista che hai fatto ad Antonio (Ficai. Leggila qui) mi sento davvero in imbarazzo a dirti che anche nella mia vita il mare ha un ruolo fondamentale. Quindi proverò a risponderti in modo leggermente diverso: il mio amuleto potrebbe essere l’acqua. Principalmente per tre motivi: – Pisa è molto vicina al mare e, come per “voi” livornesi, il rapporto con il mare è fortissimo. Ti entra dentro. Non puoi farne a meno, d’estate e soprattutto d’inverno. Il mare è quell’elemento che ti rimette al mondo e in pace con te stesso quando le cose proprio non vanno. – Adoro nuotare: ho praticato il nuoto per tanti anni da bambino fino ad abbandonarlo per i troppi impegni che richiedeva. Scelsi di non sacrificare lo studio o le altre attività che volevo continuare a svolgere. Nonostante abbia poi praticato altri sport, come il tennis, il basket, la canoa o il pattinaggio, non riesco a fare a meno di tornare in piscina almeno una volta ogni 2/3 mesi e liberare i miei pesi in acqua. – Non amo gli alcolici, ma adoro alla follia il caffè: quindi vado avanti ad acqua… da bere e per preparare il caffè Emoticon wink

2 – ll rituale che metti in atto ogni volta che crei?

Eh eh, sai che mi metti in difficoltà? Non credo di avere un rituale ben preciso. Ho un momento in cui “vedo” uno scatto potenziale, quindi prendo il telefono in mano e scatto! Forse in alcuni momenti mi piace non avere nello scatto molte persone, quindi aspetto che se ne vadano tutti prima di cliccare. Chissà se poi mi trasformo in un Mr. Hyde dell’editing e della pubblicazione su Instagram.

3- I tuoi 3 profili Instagram del cuore.

Soltanto 3? Allora per non fare torto a nessuno, ti avverto che li ho selezionati casualmente: 1. Le foto di @milkydrop mi piacciono molto, sono ben curate, alquanto originali e poi Marzia è un’amica. 2. Ogni scatto di @mighele_ è una ventata di creatività. 3. I minimini personaggi di @tanaka_tatsuya mi fanno davvero stupire e sorridere.

4- La tua faccia, la tua barba, le tue mani e i tuoi piedi appaiono spesso sul tuo profilo instagram. Come vivi la tua immagine attraverso questo mezzo? è uno strumento per raccontare storie? o è la storia stessa?

Parlo poco e mal volentieri della mia immagine su Instagram. Forse proprio perché, essendo una persona molto riservata, questa domanda mi tocca davvero nell’intimo personale. Ogni foto nella mia gallery è parte di me. Non nel senso fisico, ma nel senso proprio emotivo ed emozionale. Ad ogni foto corrisponde quasi sempre un sentimento, ma anche più. Attimi di vita, di amore, di dolore (tantissimo in certi periodi), di scoperta, di voglia di sperimentare, di amicizia. Insomma, so che sono seguito da molte persone, ma per me Instagram è un angolo personale dove inserire francobolli di memoria. I like fanno piacere, ma di certo non amplificano il mio sentimento. Per questo puoi trovare dai 2000 like ai 200 su foto che per me hanno lo stesso identico valore emozionale. Tempo fa ho definito Instagram come “il mio bagaglio di emozioni visuali” e adesso lo sottoscrivo nuovamente: la mia gallery Instagram non è la mia storia, ma sono io stesso.

www.instagram.com/nicolacarmignani

combogram_nicolacarmignani_enricamannari1

Altre storie

#combogram_KidVikk_enricamannari

Kidvikk e L’insostenibile leggerezza dell’essere

Questa rubrica, la prima che vi presento in questo mia nuova casa digitale, l’ho molto voluta. L’ho pensata e ripensata. Amo Instagram. E volevo trovare un modo interessante di potervi raccontare dei talentuosi “digitalphotographers” che abitano questo social network. Volevo creare anche qualcosa insieme a loro. Insieme a le...

Schermata 2017-11-03 a 21.18.09

La mia prima capsule collection: All eyes on me

Ho pensato che mi sarebbe piaciuto, due volte l’anno, creare una mini collezione con una piccola filosofia visiva.  Unire moda, design, grafica, fotografia, stile e video in un unico progetto è molto stimolante e aiuta a far passare un messaggio visivo completo. Avvolgente. Visto che sono in quella fase...

close sidebar

Nata sul mare, ci vorrebbe anche morire

Newsletter

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali