Navigazione principale

© 2016 - 2017 - all rights reserved info@enricamannari.com
Privacy policy

born in MaMaStudiOs

5 ottobre 2016

Italianism e l’importanza delle parole visionarie

Schermata 2016-10-03 a 18.37.50

I concorsi non mi sono mai piaciuti. Mi mettono ansia. Poi sono guarita. Ho fatto i conti con le mie paure e ho deciso di usarle come benzina, carburante, energia. Ho deciso di trasformarle, o almeno di provarci.

Quindi da questa estate ho iniziato a prendere in considerazione l’idea di partecipare timidamente e con molta ansia (eh si, su quella ancora c’è da lavorarci) a i concorsi che potevano interessarmi. Ad oggi quelli a cui ho partecipato son due. Uno Ammerigano e uno italianissimo. Quello Ammerigano l’ho vinto (la fortuna dei debuttanti) e ve ne parlerò appena mi arriva a casa il premo. Quello Italiano no. Nel senso che ci sto partecipando adesso.

ITALIANISM è una conferenza creativa e un luogo di incontro della nuova scena visiva italiana. La prima edizione si è tenuta a Roma, il 10/10/2015.

L’obiettivo è quello di tracciare un quadro della produzione contemporanea: giovane, originale e di qualità. Di fare network e sistema attorno ad essa, sia che si sviluppi nel nostro territorio che all’estero.

I valori di riferimento sono quelli dell’eccellenza ideativa ed esecutiva, della reputazione e della capacità di competere con il panorama internazionale. La recente dispersione geografica dei talenti creativi italiani ha prodotto un fenomeno interessante di contaminazione progettuale e di ibridazione di metodo, per cui riteniamo sia più corretto parlare di “Made by Italians” invece che utilizzare la vecchia formula di “Made in Italy”.

Questo è la meraviglia che risiede nel progetto Italianism ( vi invito a visitarne il sito) e visto che quest’anno c’era un concorso aperto a tutti molto interessante dedicato all’interpretazione delle parole in collaborazione con l’Accademia della crusca ho pensato potesse essere un buon banco di prova, di confronto e di incontri. 

Partecipare è molto semplice, basta iscriversi utilizzando la propria mail, dopodiché arriva diretta in casella la parola designata e da li avete tempo fino al 13 Ottobre a mezzanotte per inviare la vostra opera che interpreti visivamente la vostra parola.

Vi metto il link diretto al concorso: italianism.it/dieciparole

La parola che mi è capitata è stata BRAVO l’ho interpretata utilizzando un tema a me molto caro, quello dei cuori sacri, estrapolandolo dalla sacralità religiosa e inserendolo invece in una sacralità dialettica, di senso e significato. Ogni cuore sacro è un ex voto dedicato all’utilizzo della parola BRAVO.

Spero vi piaccia. Se sì andate sui profili social di Italianism come Instagram e Facebook, cercatelo e mettete l’ormai arcinoto Like.  Così mi aiuterete per la selezione finale del concorso. :)

 

Schermata 2016-10-03 a 17.42.23

 

Altre storie

Processed with VSCO with c1 preset

I miei #100daysof…

Su Instagram c’è un hashtag che va molto di moda tra gli illustratori e i creativi della rete; inizia sempre con #100daysof e dopo può proseguire con diversi temi. (Se volete saperne di più sulla genesi di questo hashtag e del progetto che c’è dietro cliccate QUI.) Ci sono...

3lagazza

La Gazza & Me: un libro che parla di voi

Ho conosciuto La Gazza come l’avete conosciuta voi: tramite i social. C’era un post su Candy Candy scritto da lei che girava su Facebook e a me era piaciuto molto. Il like alla sua pagina è stato consequenziale. Dopo qualche mese che seguivo i suoi racconti pieni d’amore, di...

close sidebar

Illustrations addicted. Sea Lover. Amulets maker.

Corona

Il rigore. La responsabilità. Il potere.
La più bella del reame. Le delusioni. Le aspettative mancate. I sogni di gloria. I treni che passano una volta sola. Sembra facile, ma è difficile. Guerra e pace. Il mio regno. Io. Me. Ego. Tutto il resto è noia.

Qui troverai:
Cuori infranti e aspettative disattese. Con il lieto fine però.

Esplora