Navigazione principale

© 2016 - 2019 - all rights reserved info@enricamannari.com
Privacy policy

born in MaMaStudiOs

8 Maggio 2017

La mia sfida: viaggiare e lavorare in furgone

No, non ho deciso di mollare tutto e fare la nomade digitale a tempo pieno ma voglio provare a essere più padrona del mio tempo e di passarne quanto più posso in viaggio. Per fare questo ho comprato una casa/studio mobile, il mio Volkswagen t3 camperizzato Westfalia del 1987. Questo furgone o van ( non chiamatelo camper) è uno dei modelli meglio riusciti che la casa madre tedesca abbia mai messo in commercio: al suo interno ci sono ben 4 posti letto, una cucina con due fuochi, lavello e frigo, un piccolo armadio e tanti pozzetti dove riporre tutto il necessario per vivere.

Se vi state chiedendo se ci sia anche il bagno la risposta è no. Niente bagno. Ma ci sono i campeggi che nel tragitto useremo per tutto quello che concerne igiene personale e lavatrici.

Inzio questo mio nuovo modo di gestire il tempo con una prima esperienza di tre mesi in giro per la Spagna e il Portogallo insieme al mio compagno, siamo entrambi disegnatori, lui fumettista ed io, come già sapete, illustratrice. Porteremo il lavoro con noi per poter continuare a dedicarci ai vari progetti in cui siamo coinvolti e tenteremo entrambi di superare questa piccola sfida: vivere e lavorare in furgone per un periodo di tempo medio/lungo.

Non sarà facile. Ma mi sono decisa a fare questo passo perché la confort zone o la zona divano, è una dimensione pericolosa per l’essere umano, soprattutto per un creativo. Restando sempre fermi si rischia di chiudere la mente in pensieri circolari che poco servono a evolvere e che anzi, tendono a staticizzare la naturale tendenza umana al nomadismo. Alla scoperta. Al viaggio.

Se ci mettete poi che la maggioranza del nostro tempo lo passiamo sui social e su internet diventa quasi necessario cercare di avere esperienze offline forti, formative, emozionanti, difficili, ma comunque reali e non edulcorate dalla retorica 2.0.

Cercherò di documentare il tutto attraverso il blog, instragm e facebook utilizzando l’illustrazione come mezzo descrittivo delle esperienze che seguiranno in questi tre mesi.

Spero tanto di regalarvi delle suggestioni visive che vi facciano sorridere, vi facciano evadere dal quotidiano e facciano sentire un po’ in viaggio anche voi.

Parto oggi.

Da domani tutto quello che farò sarà prodotto in uno studio mobile. E non potrei esserne più felice.❤️

“La felicità è una direzione, non un luogo.”

Sydney J. Harris

mappaspagna_portogallo

 

Altre storie

cuore

Nuove consapevolezze e nuovo logo

Due anni fa decisi di diventare me stessa. O almeno iniziare a provarci. A 35 anni per la prima volta in vita mia con profonda consapevolezza e umiltà iniziai il mio percorso verso quello che volevo fosse il mio lavoro, verso quella che volevo fosse la mia vita, verso quello...

Processed with VSCO with c1 preset

I miei #100daysof…

Su Instagram c’è un hashtag che va molto di moda tra gli illustratori e i creativi della rete; inizia sempre con #100daysof e dopo può proseguire con diversi temi. (Se volete saperne di più sulla genesi di questo hashtag e del progetto che c’è dietro cliccate QUI.) Ci sono...

#combogram_AntonioFicai_enricamannari

Il senso di Antonio Ficai per il mare

Ed eccoci al secondo appuntamento di #combogram: la rubrica mensile dedicata al mondo degli instagramers e della digital photography con l’inevitabile incursione a gamba tesa della sottoscritta che, una volta identificata la preda digitale e intervistata, gli prende una foto e ci disegna sopra. 😉 Lo scorso mese c’è...

close sidebar

Nata sul mare, ci vorrebbe anche morire

Newsletter

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali